Etruschi Multisensoriali, 21 settembre 2018

Etruschi Multisensoriali è una delle tappe del progetto TerrEtrusche, promosso da Feisct, che lega la valorizzazione della cultura etrusca alla promozione ed alla sensibilizzazione verso il paesaggio, inteso come identità del territorio. Riscoprire ciò che caratterizza un territorio, sotto il profilo storico, culturale e paesaggistico, per costruire, sulle proprie radici, un nuovo percorso capace di intrecciare tradizione, sviluppo economico ed innovazione tecnologica.

La giornata si articolerà attorno a due principali attività:

  • degustazione alla Fattoria “Le Mortelle”
  • visita al buio al Museo Archeologico “Isidoro Falchi” di Velutonia

La fattoria Le Mortelle si trova in Maremma, vicino a Castiglione della Pescaia. Mortella è il nome del mirto selvatico che caratterizza queste zone costiere ed è simbolo della fattoria: da questo arbusto mediterraneo profumato, deriva anche il suo nome.

Stefano Paolicchi, nelle vesti di agronomo e presidente dell’Associazione onlus Handy Superabile, che da 11 anni si occupa di turismo accessibile, vi spiegherà come organizzare un percorso enogastronomico aperto a TUTTI, dove chiunque, anche con una disabilità, possa apprezzare e gustare i prodotti eccellenti offerti dalle aziende vinicole presenti sul territorio.

Alla Fattoria Le Mortelle Handy Superabile intende proporre un tour in cantina guidato dai nostri associati, un agronomo esperto in analisi sensoriale dei vini, dott. Giuseppe Ferroni, che ci illustrerà alcuni aspetti tecnici legati alla produzione del vino e l’enologo, istruttore di sommeliers, che ci racconterà la storia e le peculiarità più curiose del vino. Entrambi ci accompagneranno nella degustazione dei vini della tenuta con 3 etichette Botrosecco, Poggio alle Nane e Vivia, abbinate ai prodotti tipici dell’azienda.

L’esperienza multisensoriale continuerà al Museo Civico Archeologico “Isidori Falchi” di Vetulonia con l’incontro “al buio” a cura di Valentina Murru, Vicepresidente dell’Unione Italiana Ciechi di Grosseto. Valentina condurrà i partecipanti in un viaggio sensoriale alla scoperta di alcuni capolavori del Museo e della mostra temporanea “L’Antico egitto inVITA a Vetulonia. A casa di un operaio artista della valle dei Re”. Il pubblico non vedente o bendato vivrà un’esperienza unica: Valentina infatti confronterà i principali temi delle due culture, toccando gli oggetti, originali o copie, e raccontandoli ai presenti, che saranno guidati nella loro scoperta con un approccio diverso, focalizzato sull’esperienza tattile e olfattiva.